Login
Pubblicato da
Luca Mesini
il 17 marzo 2014

Scoperta la prima luce del Big-Bang

... forse. Certo, se la luce viaggia alla velocità della luce, noi la vediamo sempre in ritardo di in tot. di anni... e le persone normodotate non riescono a capire come sia stato possibile vedere ora un lampo relativo a soli 14 miliardi di anni fa. Non sono pochi? Ma siamo artisti e non scienziati o astronauti - “stiamo”, probabilmente, alla cosmologia come i film di fantascienza e quindi... pazienza :)

Artisticamente parlando questa scoperta è un po' un preludio al sentimento della creazione, del segmento iniziale, dell'inizio dell'espansione e del diritto che abbiamo a cercare parole che significhino il nostro micro-cosmo al macro-cosmo nel quale siamo inseriti e al sol pensiero il nostro cervello imploderebbe di imprecisione di calcolo. Siamo fatti per scoprire - e molte cose si scoprono vedendo quello che dovrebbe esistere - noi siamo in grado di mettere in moto la macchina del tempo...

La scoperta - molto piacevole in verità - è che siamo riusciti a fermare, o ad andare indietro nel tempo di circa 14 miliardi di anni luce. E abbiamo visto la luce di allora - o meglio, in mezzo al buio assoluto un lampo assoluto. Equivalente al lampo di luce che 14 miliardi di anni fa si è generato - forse dal nulla o nel nulla per darci il tutto sul qual si ragiona adesso.

Dicesi e si crede giustamente che questo sia il Big Bang, il che ne conferma la teoria.

Ora - non possiamo entrare in questo argomento senza la musica adatta, perdinci... anche se a breve gli interventi della HACK daranno smalto a tutto l'intervento propulsivo... Steve Jansen & Richard Barbieri (ex JAPAN) hanno tempo fa realizzato un progetto (Other Worlds in a small room) ovevro musica che si vede e ascolta dentro una piccola stanza in mezzo al cosmo (musica per lo space shuttle in pratica o la Stazione Orbitale Internazionale).

LA NOTIZIA

Fra i “geni” c'è sicuramente chi ha prodotto il Big Bang - l'esplosione che ha dato inizio e sviluppo all'universo così come oggi minimamente lo conosciamo. Fra le Arti: la scienza. Quindi la vita, la materia, le cose - composte, scomposte, ordinate, disordinate, casuali ma non per caso... Chi ha scatenato e perché questa “cosa” non è facile dirlo. Alcuni dànno per scontato che sia Dio e sul diagramma mentale: “Chi ha fatto Dio? Il Dio di Dio, che fu fatto, a sua volta - da un altro Dio” la mente umana poi collassa.

Ma il limite assoluto è: perché dovrebbe averlo generato qualcuno? Forse poiché siam soliti a ritenere le cose a misura di personaggio - inteso anche come elemento meta-fisico o simbolico, astratto.

Il nostro sistema mentale collassa perché non esiste ciò che esiste da sempre ed è sempre esistito - da quando siamo vivi, siam morti così tante volte che non possiamo sopportarlo - manco come sorta di elemento impossibile - perché per quanto facciamo cose impossibili, esse sono sempre riconducibili alla scemenza umana (che per certi versi è anche, nella migliore delle ipotesi in chi sfrutta quel minimo percentile della “possibilità” che pare abbia l'uomo nella sua testa).

Lo spazio e il cosmo sono un territorio affascinante ma talmente lontano e sconosciuto che per via della sua grandezza e per via dell'altrettanta nostra microscopicità... ci crea non pochi problemi di forma al dialogo. Per i più romantici rimane purtroppo solo una relazione spettacolare che in alta montagna si può godere appieno, dato che là - hai sopra la testa tutto il firmamento stellare e ogni cosa si vede nitida e immensa come essa è ed esatta come non la raggiungerai mai, dato che - come sappiamo - son necessari molti anni luce per raggiungere le stelle e sinceramente, bisognerebbe rimanere in sospensione ritardata per troppo tempo credo per poter dire - finalmente... “c'ero”! ... mentre intanto il sistema solare già non esiste più e il sole è diventato una stella nana.

Ma poco prima di questa scoperta cosa sapevamo del Big Bang? Tempo spazio e materia sono elementi nati dopo la singolarità, (o inizio dell'espansione) che è più o meno il momento in cui il Big ha fatto Bang; se la teoria del Big Bang che ne genera un'altro fosse esatta, ciò che esiste è sempre esistito e auto-replica se stesso esplodendo implodendosi (ovvero si rigenera del tutto distruggendosi del tutto). Ciò che noi possiamo quindi misurare è sicuramente il risultato del movimento iniziale - per questo aver adesso scoperto forse la luce primordiale, iniziale... è una scoperta fantastica... molto, molto interessante. getta nuove basi e nuove frontiere di esplorazione, nuove aspettative di visione fisica e non fantastica...

Ma lo spazio e il cosmo ci affascinano perché “possiamo comprenderli” mentre l'incomprensibile è forma elegiaca che si rifà all'uomo prendendo forse dalle sue stesse paure e dai suoi timori. Forse l'uomo crede in Dio (anche senza non crederci) perché sa che deve morire o perché ha paura di morire - il cosmo fa molto meno paura, non conoscerlo non spaventa perché è a portata d'uomo: possiamo conoscerlo e anche inventare dei modi per scoprirlo... come vediamo: alla fine, la luce, se esiste, la troviamo.

Paradossalmente viviamo tempi bui perché siamo tecnici e profeti della “disponibilità“ della luce - la dispensiamo a seconda di criteri poco lucidi e poco luminosi, privando altri piuttosto che altri ancora - e poi di cosa? Sovente di una luce mezzana...

In questo momento, chissà forse, chi può saperlo - MARGHERITA HACK ha delle risposte (paradossalmente perché spero sia meta-viva ;) Personaggio che è riuscito in qualche modo a sorpassare il divario fra scienza e incoscienza della comunicazione, possiamo ripassare l'argomento con questa sua geniale divulgazione scientifica :) Ella ci ricorda che (nel 2011) i tre fondamentali dubbi sui quali non esistono risposte sono la materia oscura, l'energia oscura e l'inizio: cosa è successo? Nella teoria che riassume qui magistralmente Ella fa presente che non è possibile avere informazioni sull'ordine dei 400 mila anni (o milioni di anni? - per me che ho problemi anche con il mio orologio poco importa visto che sono 14 miliardi o 13.5 i miliardi di anni che ci separano dalla singolarità) prima del Big bang, per via di una struttura opaca che impediva alla luce di aggregarsi in ammassi di luce.

Fra i testimoni degli ultimi passi non ovviamente incentrati su questioni scientifiche eppure in poche battute la stessa Margherita in un certo senso rimarca quella che è la nostra sovente dichiarata “inabilità” a vivere un paese che non sa vivere, così inquinato da l'ingordigia pantagruelica dei suoi sterili governanti che han deciso di legalizzare la truffa e di agire contro l'arte, la scienza, l'animo spontaneo che vorrebbe dedicarsi alla preservazione e alla cura dell'eccellenza culturale come un nemico invece da combattere e abiurare. Il Consigliere della regione piemonte condannato responsabile per le firme false che hanno permesso a cota di governare senza voti per 4 anni (il quale 4 anni fa intervenì subito con una mobilitazione del TAR che di fatto costrinse le procedure di incriminazione a un periodo di stagnazione di 4 anni...) dicevo, questo consigliere di questa regione - condannato ovviamente come portatore effettivo dell'inserimento delle firme dei morti in urna - è appena stato sostituito... dalla sua fidanzata. Cosa volete dirci con questo? Si passa dalla scienza alla scemenza senile in età non sospetta? Finita sta parentesi, in una di queste sue ultime interviste, Iil suo sentimento aperto nei confronti di ciò che non esiste, se non per ragioni di comodo per poter spiegare semplicemente ciò che la scienza non sa spiegare, e il suo disincantato endecasillabo sulle ragioni che portano semplicemente a desiderare uno l'affetto per l'altro, racchiudono in modo esemplare il sentimento della logica e della possibilità organica che l'uomo avrebbe per superare molti dei problemi (e dei suoi limiti) che forse gli rimangono perché non ha potuto contestare abbastanza - ma con quali armi se non la Scienza e l'Arte, il suo bisogno di esistere.

Lasciandoci portare via da altro che non pare esser così necessario - eppure al punto da far sembrare tutto il resto: inutile. Ed infatti, come tutte le cose inutili, città della Scienza ai Periscopi abbandonati ai gruppi di ricerca insovvenzionati - per sovvenzionare cosa al posto? Privilegi infanti e pensioni lestofantesche... e via di questo passo - scoprire l'inizio dell'universo e non vedere la fine del Paese qui a due passi - altro che anni luce :(

CAMMEI

Probabilmente la scoperta più importante prima di questa è stata: il bosone di HIGGS. Ovvero la forma che crea tutte le altre forme (ambasciator non porta pena uso le parole che il mio immaginario necessario mi fornisce), non ci sottrarremo pertanto anche alla spiegazione dell'altro divulgatore scientifico di massa - Quark.

Abbiamo aperto in musica - richiudiamo guardando ciò che sentono le nostre orecchie quando ti vedono - stella :) - all'eterno tentativo che gli Artisti tentano per mettere in musica le radiazioni primordiali e la natura sulla terra :)

La scena della intro della continuazione di 2001 Odissea nello spazio e la scena finale di quel capolavoro di Kubrick.

 

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti

Following

Followers


politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved