Login

Stefano Bonazzi

Artista - iscritto il 11 mag 2008

Luogo: Ferrara - IT

Email - nyoone@tin.it

Sito web - http://www.stefanobonazzi.it/

Profilo Twitter

Profilo Google+

Bio

“I miei personaggi sono impregnati di paura.
Il continuo rapportarsi con altri individui li ha stremati, hanno perso ogni forma di fiducia scegliendo di schermarsi dietro un confine che garantisca loro protezione, al sicuro nel loro micromondo ovattato.
I miei personaggi preferiscono i tenui grigi ai colori abbaglianti e vivaci dell’odierno nulla.
Grigio è staticità.
Grigio è tranquillità.
Grigio è la pacatezza di un limbo materno che riscalda e ripara nella sua nebulosa placenta.
Singolari autoritratti giocati sull’ambiguità di una cattiveria feroce travestita da tristezza velata ma inesorabile.
Oppure maschere che coprono volti in modi assolutamente sfacciati, rivelando un erotismo insolente al limite di un esasperato feticismo.
Ma non tutto quel che appare al primo sguardo, è verità.
La maschera è solo un pretesto. Può esserci oppure no. E’ un feticcio fittizio, presente anche quando non appare o si mostra sotto forma di altre geometrie arcane, decorazioni tribali o sigilli. E’ la ricerca spasmodica di un’identità altra, forse impossibile da trovare.
I miei personaggi, sono improbabili ragazze con maschere antigas, uomini d’affari in completo elegante o caricature disturbate di fiabe vintage, ma sono prima di tutto archetipi, icone, rappresentazioni simboliche di uno status mutante al quale in fondo apparteniamo un po tutti o forse desidereremmo appartenere ma che il nostro posto nella società ci impone di rinnegare, emarginare e circoscrivere come entità estranee da cui prendere le distanze.
Personalmente la diversità mi attrae, quell’ambivalenza/duplicità della natura umana che può allontanarmi anche solo per un attimo dal disagio sociale, dal conformismo a tutti i costi, dalla perfezione, dall’essere così irrimediabilmente inseriti in un perverso meccanismo di (ri)produzione.
Una subdola, nauseante ragnatela che imprigiona giorno dopo giorno.
Con le mie immagini digitali cerco di fotografare ed impressionare la parte notturna dell’essere umano. La maschera copre ogni possibile emozione, ogni tratto somatico tramutando le spoglie figure in materia senza nome e senza passato, pronte ad accogliere una nuova forma.
Come sparuti osservatori i miei personaggi si muovono incerti in un universo sconosciuto dominato dal caos.”


commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Pietro Archis - 09/02/2010 - 01:36:04
Ciao,
Ho visto i tuoi lavori e li trovo interessanti.
Vorrei proporti la partecipazione a Etichette d'Arte e Poesia.
Se vai sul sito della mia Associazione Arte-Cultura Casa della Pesa di Bolzano, della quale sono il curatore artistico, potrai trovare le modalità di partecipazione.
Il sito è: www.acp-kkw.com

Un saluto e un abbraccio
Pietro

Se ti va contattami pure al seguente indirizzo di posta:

archis.pietro@libero.it
o cell- 338.6510985
Termine ultimo per l'adesione: febbraio 2010
ciao
Alessandro Conticelli - 16/06/2008 - 15:49:16
complimenti per i tuoi lavori, per il tuo sito, e naturalmente per "i have a dream" !
Expressioni - 14/06/2008 - 15:32:43
Ciao,
ti informiamo che è online il nuovo sito di eXpressioni aggiornato con l'edizione 2007 ed i moduli di partecipazioni ad eXpressioni 2008.
Ti ricordiamo, se sei interessata a parteciapre alla prossima edizione, di inviarci i moduli ed il materiarle informativo, che troverai in essi, entro e non oltre il 30 giugno 2008.
Un saluto da
eXpressioni
Sergio Stamerra - 23/05/2008 - 18:34:37
i tuoi lavori sono...............non ho parole.
grazie della preferenza!
Sergio
Tutti i commenti (13)
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved